Statuto A.C.S./A.S.S.

STATUTO in formato PDF

STATUTO DELL’AUTOMOBILE CLUB SAN MARINO

Art.1
(Costituzione)
E’ costituita l’Associazione denominata Automobile Club San
Marino. L’Associazione non ha fini di lucro.

Art.2
(Oggetto Sociale)
L’Ente ha per oggetto:
a) l’incremento, la rappresentanza e la tutela degli interessi
dell’automobilismo Sammarinese del quale promuoverà e favorirà
lo sviluppo;
b) l’elevazione intellettuale e morale degli associati;
e) lo studio dei problemi automobilistici formulando proposte e
dando, se richiesto, pareri ai
competenti Organi dello Stato e l’adoperarsi affinchè siano
promossi provvedimenti idonei a favorire lo sviluppo
dell’automobilismo e l’adozione delle convenzioni internazionali ;
d) la collaborazione con le competenti Autorità per la soluzione dei
problemi relativi allo sviluppo della rete stradale, dell’attrezzatura
segnaletica ed assistenziale ai fini della regolarità e della sicurezza
della circolazione;
e) la promozione del turismo automobilistico;
f) la promozione delle attività sportive automobilistiche nell’ambito
della vigente legislazione;2
g) l’istruzione automobilistica e l’educazione dei conducenti di
veicoli;
h) l’attuazione delle forme di assistenza tecnica stradale,
economica, legale, tributaria, assicurativa, ecc. dirette a facilitare e
regolare l’uso degli autoveicoli;
i) lo svolgimento di ogni altra azione utile agli interessi generali
dell’automobilismo;
j) la rappresentanza dell’Automobilismo Sammarinese presso la
Federazione Internazionale dell’Automobile ed altri enti
internazionali.
L’Associazione potrà compiere tutte le operazioni mobiliari,
immobiliari, economiche, finanziarie, connesse con il
conseguimento dell’oggetto sociale nel rispetto delle norme vigenti.

Art. 3
(Sede)
L’Associazione ha la propria sede nella Repubblica di San Marino,
a Dogana in Via Giangi n. 66/A,con facoltà di istituire sedi
secondarie, agenzie, rappresentanze, tanto a San Marino che
all’estero e trasferire la sede sociale in altre località del territorio
della Repubblica di San Marino.

Art.4
(Durata)
L’Associazione durerà fino al 31 Dicembre 2050 e potrà essere
prorogata o sciolta anticipatamente con delibera dell’Assemblea.3

Art. 5
(Patrimonio sociale e mezzi finanziari)
L’Associazione trae i mezzi per finanziare la propria attività:
a. dalle quote associative versate annualmente dagli associati;
b. da donazioni, elargizioni, lasciti e contributi di persone, società,
enti pubblici e privati nazionali e internazionali;
c. dai proventi di iniziative attuate o promosse dall’Associazione.
I versamenti a qualunque titolo effettuati dagli associati deceduti,
receduti o esclusi non saranno rimborsati.

Art.6
(Esercizio Sociale)
L’esercizio sociale va dal 1° Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno.
Alla fine di ogni esercizio sociale il Consiglio Direttivo provvede alla
redazione del bilancio Sociale dell’esercizio decorso che deve
essere compilato con criteri di oculata diligenza e presentato
all’Assemblea per la discussione ed approvazione nei modi e nei
termini di legge.

Art.7
(Associati)
La maggioranza degli associati deve avere la residenza nel
territorio della Repubblica. Gli associati sono:
– Onorari
– Benemeriti,
– Effettivi,4
– Corrispondenti.
Gli associati Onorari sono nominati dall’Assemblea fra le persone
la cui presenza nell’Associazione costituisce motivo di prestigio e
di onore. Essi non pagano la quota sociale, non sono eleggibili
nelle cariche sociali e non esercitano il diritto di voto.
Gli associati Benemeriti sono eletti dal Consiglio Direttivo fra le
persone od Enti che abbiano contribuito allo sviluppo
dell’Associazione con particolari benemerenze e liberalità. Non
pagano la quota sociale, non esercitano il diritto di voto attivo pur
essendo eleggibili alle cariche sociali.
Gli associati Effettivi sono eleggibili ed esercitano il diritto di voto,
previo pagamento della quota prevista dal Consiglio Direttivo.
L’ammissione di un nuovo associato effettivo è deliberata
insindacabilmente dal Consiglio Direttivo a seguito di richiesta
scritta dell’interessato: Il Consiglio Direttivo può rifiutare
l’ammissione dandone comunicazione al richiedente, senza
necessità di comunicarne la motivazione.
Gli associati Corrispondenti sono designati dal Consiglio Direttivo
fra le persone od Enti che non hanno sede nel territorio
sammarinese e che possono rendere particolari ed utili servizi
all’Associazione. Non hanno diritto di voto, non sono eleggibili nelle
cariche sociali e non pagano la quota sociale.
L’importo della quota sociale sarà fissato dal Consiglio Direttivo
anticipatamente anno per anno.5
L’associato manterrà la sua qualifica sino a che sarà in regola col
pagamento della quota sociale.
L’elenco degli associati deve essere esposto presso la sede
dell’Associazione.
Tutti gli associati hanno diritto a partecipare a tutte le attività
sociali, a ricevere le pubblicazioni edite dall’Associazione,
all’elettorato attivo e passivo alle cariche sociali con le limitazioni di
cui ai superiori commi e successivi articoli.
Ciascun associato è tenuto a versare annualmente la quota
associativa.

Art. 8
(Recesso, esclusione, dimissioni)
La qualità di associato si perde per:
a) mancato versamento della quota associativa entro il termine
stabilito dal Consiglio Direttivo;
b) recesso, che è consentito a qualsiasi associato ed in qualsiasi
momento;
c) esclusione, che il Consiglio Direttivo delibera nei confronti
dell’associato che danneggi materialmente e/o moralmente
l’Associazione.

Art.9
(Organi dell’Associazione)
Sono organi dell’Associazione:
l’Assemblea degli associati;6
il Presidente;
il Consiglio Direttivo;
il Collegio dei Revisori.

Art.10
(Assemblea degli associati)
L’Assemblea regolarmente costituita rappresenta la generalità
degli associati. E’ convocata almeno una volta all’anno dal
Presidente nei termini di legge in via ordinaria ed in via
straordinaria potrà essere convocata ogni qual volta lo ritenga
necessario il Presidente, Consiglio Direttivo, oppure dal Collegio
dei Revisori limitatamente alle materie di loro competenza, per
l’elezione di un nuovo Consiglio Direttivo in caso di vacanza di
quello in carica.
L’Assemblea deve essere convocata anche su richiesta di un
gruppo di associati che rappresentino almeno il 25% degli
associati: nella richiesta devono essere indicati gli argomenti da
trattare.
L’assemblea è convocata mediante avviso da pubblicare nell’albo
della sede dell’associazione almeno 10 giorni prima di quello
fissato per l’adunanza e da inviare negli stessi termini agli associati
ed agli interessati.
L’avviso di convocazione deve contenere gli argomenti da trattare,
il giorno, l’ora e la sede della riunione.
Le adunanze dell’Assemblea sono valide in prima convocazione7
quando sia presente la metà più uno degli associati aventi diritto di
voto ed in seconda convocazione, che può essere indetta anche
un’ora dopo la prima, qualunque sia il numero degli associati
intervenuti presenti o rappresentati.
Possono partecipare all’Assemblea tutti gli associati iscritti
all’Associazione; qualora siano Effettivi, devono essere in regola
con i pagamenti della quota di associazione. Ogni associato in
possesso dei requisiti potrà rilasciare delega scritta per
l’Assemblea; i delegati non potranno rappresentare più di due
associati oltre a loro stessi.
L’Assemblea delibera a maggioranza dei voti espressi dagli
associati presenti o rappresentati aventi diritto di voto.

Art.11
(Modalità di svolgimento dell’Assemblea)
L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o,
in caso di impedimento di questi, dal Vice-Presidente; in caso di
assenza di entrambi dal membro del Consiglio Direttivo iscritto da
più tempo all’associazione.
Il Presidente dell’Assemblea nomina un Segretario scelto anche fra
i non associati.
Il Presidente dell’Assemblea verifica la regolarità della costituzione
dell’Assemblea stessa, facendone inserire apposita menzione nel
verbale.
I lavori dell’Assemblea devono constare da apposito verbale che8
deve essere redatto e sottoscritto dal Segretario sull’apposito libro
e controfirmato dal Presidente.
Nel verbale devono essere riassunte, dietro loro richiesta, le
dichiarazioni degli associati presenti.

Art.12
(Convocazione dell’Assemblea)
L’Assemblea è convocata per:
a) deliberare sulle questioni di maggior importanza riguardanti
l’attività dell’Associazione;
b) eleggere il Presidente ed il Consiglio Direttivo;
c) nominare i componenti del Collegio dei Revisori e del Collegio
dei Probiviri;
d) approvare il conto consuntivo ed il bilancio preventivo
dell’Associazione;
e) esaminare le relazioni culturali, sportive, economiche del
Presidente dell’Associazione, nonché la relazione finanziaria del
Collegio dei Revisori.

Art. 13
(Il Consiglio Direttivo)
L’associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo, costituito
dal Presidente e da un numero di otto consiglieri eletti
dall’Assemblea.
Il Presidente ed i consiglieri devono essere nominati fra gli
associati regolarmente iscritti all’associazione da almeno 3659
giorni liberi rispetto la data di convocazione dell’assemblea.
Nella sua prima adunanza il Consiglio Direttivo nomina al suo
interno il Vice Presidente, il segretario ed il tesoriere.
Il Vice Presidente collabora con il Presidente e lo sostituisce in
caso di assenza o impedimento.
Il segretario cura la tenuta dei libri sociali, il loro aggiornamento e
quant’altro il consiglio direttivo ritenga volergli delegare.
Il tesoriere cura l’amministrazione del patrimonio dell’associazione,
provvede ad effettuare incassi e pagamenti correnti e quant’altro il
consiglio direttivo ritenga volergli delegare.
Il Consiglio Direttivo dura in carica per quattro anni ed i membri
sono rieleggibili.
Se un consigliere decade, si dimette o viene a mancare, al suo
posto è nominato il primo dei non eletti che resterà in carica fino
alla scadenza del Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente o dietro richiesta
motivata di almeno tre consiglieri.
La convocazione è fatta con avviso da inviare ai membri del
consiglio direttivo e ai revisori dei conti almeno sette giorni prima di
quello fissato per l’adunanza. Nei casi di urgenza la convocazione
può essere fatta con congruo preavviso mediante qualunque
mezzo idoneo.
Per ogni seduta del consiglio direttivo viene redatto un verbale
nell’apposito libro dei verbali del consiglio direttivo che viene10
firmato dal Presidente e dal Segretario.
Le sedute del Consiglio Direttivo sono validamente costituite con la
presenza della maggioranza dei componenti e le deliberazioni
sono prese a maggioranza dei consiglieri presenti. Il voto non
potrà essere dato per rappresentanza.

Art.14
(Compiti del Consiglio Direttivo)
Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per il
conseguimento dei fini statutari e per l’applicazione delle direttive
dell’Assemblea; spetta, tra l’altro, al Consiglio Direttivo la nomina
del Vice-Presidente, del Segretario e del Tesoriere. Inoltre:
a) predispone i conti consuntivi ed il bilancio preventivo
dell’Associazione da sottoporre all’Assemblea;
b) promuove la normale attività dell’Associazione per il
conseguimento dei fini statutari;
c) delibera sulle domande di ammissione dei nuovi associati;
d) determina la misura della quota di associazione annuale ed il
termine di pagamento;
e) delibera provvedimenti disciplinari di sua competenza;
f) adempie a tutte le attribuzioni previste dalla legge, regolamenti e
disposizioni in genere vigenti;
g) provvede all’esatta e razionale tenuta dei libri contabili ed
all’adempimento degli atti amministrativi;
h) invita in casi particolari esperti all’Assemblea;11
i) risponde del proprio operato all’Assemblea.

Art.15
(Decadenza dalla carica)
Quando per tre volte consecutive, un Consigliere eletto non
partecipa senza giustificato motivo alle sedute, decade
automaticamente dalla carica.

Art. 16
(Presidente del Consiglio Direttivo)
Il Presidente dell’Associazione, eletto dall’assemblea, è il
Presidente del Consiglio Direttivo. Il Presidente dura in carica per
quattro anni ed è rieleggibile.
Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti di
terzi ed in giudizio ed ha la firma sociale, convoca il consiglio
direttivo, cura l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea e del
Consiglio, nei casi di estrema urgenza esercita i poteri del
Consiglio, salvo ratifica alla prima adunanza consigliare.

Art.17
(II Collegio dei Revisori)
II Collegio dei Revisori è l’organo di controllo amministrativo
dell’Associazione, con le funzioni ed attribuzioni stabilite dalla
legge.
Il Collegio dei Revisori è composto da tre mèmbri effettivi, dei quali
uno con funzioni di Presidente, eletti dall’Assemblea.
Il Collegio dei Revisori dura in carica per quattro anni ed i membri12
sono rieleggibili.
I componenti del Collegio dei Revisori devono essere invitati alle
riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea.

Art.18
(Remunerazione delle cariche)
Tutte le cariche elettive sono gratuite e danno diritto soltanto al
rimborso delle spese sostenute nell’espletamento di particolari
incarichi.

Art.19
(Collegio dei Probiviri)
Il Collegio dei Probiviri, composto da tre membri rieleggibili,
nominati anche fra gli associati, resta in carica quattro anni.
Essi non potranno partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo
se non espressamente invitati.
Dovranno partecipare alle riunioni dell’Assemblea.
Le funzioni spettanti a tale organo sono le seguenti:
a) definire le controversie fra gli associati, nonché tra questi e il
Consiglio Direttivo;
b) giudicare la corretta applicazione dei fini sociali da parte del
Consiglio Direttivo;
c) essere interpellati in caso di espulsione degli associati promossa
dal Consiglio Direttivo.

Art.20
(Modifiche allo Statuto)13
Le modifiche dell’Atto Costitutivo e dello Statuto dell’Associazione
possono essere proposte dal Consiglio Direttivo o da un terzo degli
associati.
Esse devono essere formulate per iscritto e devono essere
approvate dall’Assemblea degli associati con le modalità previste
per l’Assemblea Straordinaria.

Art.21
(Scioglimento)
Lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio,
deve risultare da verbale redatto da notaio con funzioni di
segretario verbalizzante. L’Assemblea nomina due liquidatori
determinandone i poteri e le modalità di liquidazione.
Nell’impossibilità da parte dell’Assemblea, la nomina dei liquidatori
sarà fatta dal Commissario della Legge.
Estinte interamente le passività sociali, l’eventuale residuo attivo
verrà devoluto a favore di istituti di beneficenza di San Marino.

Art.22
(Organismo interno: A.S.S.)
E’ istituito in seno all’A.C.S. l’Automotoclub Storico Sammarinese
(A.S.S.) il quale, in qualità di organismo interno dell’A.C.S., gode di
autonomia operativa nei limiti stabiliti dal presente statuto.
L’A.S.S. attraverso l’A.C.S. ha la facoltà di rilasciare a pagamento
proprie tessere.

Art.23
(A.S.S. – il Consiglio Esecutivo)
L’A.S.S. è presieduto da un Consiglio Esecutivo composto da
cinque membri, tutti nominati dal Consiglio Direttivo dell’A.C.S. fra
gli iscritti all’A.S.S. .
Non vi è incompatibilità tra la carica di membro del Consiglio
Direttivo A.C.S. e membro del Consiglio Esecutivo A.S.S..
Il Consiglio Esecutivo dura in carica per un biennio, ed alla
riunione di insediamento nomina un Segretario Generale il quale
ha il compito di convocare e presiedere tutte le riunioni. In caso di
impedimento le funzioni sono demandate al Vice-segretario
nominato nella seduta di insediamento del Consiglio Direttivo. Le
decisioni del Consiglio Esecutivo vengono adottate a maggioranza
dei mèmbri presenti.

Art.24
(A.S.S. – Finalità)
L’A.S.S. ha per scopo, nel pieno rispetto delle finalità e dei principi
generali di divulgazione ed istruzione della cultura automobilistica
sanciti dall’Art.2 del presente Statuto, dandone attuazione nello
specifico settore dei veicoli storici:
a) tutelare e sostenere la causa dei veicoli storici ed incoraggiare
lo studio e la conservazione della loro storia;
b) sovrintendere ed incoraggiare l’unitarietà del movimento dei
veicoli storici e salvaguardarne gli interessi;
e) aiutare ed incoraggiare la conservazione, il restauro, l’utilizzo e15
la documentazione dei veicoli storici di tutti i modelli, appartenenti
a privati, collezionisti e musei;
d) promuovere lo sviluppo del movimento dei veicoli storici
esercitando influenza sugli organi legislativi ed amministrativi ed
anche sull’opinione pubblica, ove questo sia possibile, lecito ed
appropriato.
e) fare si che, all’interno dei lavori legislativi sammarinesi, siano
presi in considerazione i problemi e le necessità specifiche del
movimento dei veicoli storici affermando il diritto a circolare sulle
pubbliche strade con i veicoli storici nello stato originario di
costruzione ed equipaggiamento;
f) creare le condizioni per favorire l’interscambio di informazioni
con le organizzazioni similari anche internazionali;
g) regolare, in ambito sammarinese, le questioni relative all’utilizzo
sportivo dei veicoli storici, in cooperazione e nel rispetto dei principi
sanciti dalla F.I.V.A. e dalle altre organizzazioni internazionali;
h) coordinare, supervisionare ed organizzare manifestazioni
inerenti al movimento dei veicoli storici.

Art.25
(Rendiconto)
Entro il mese di Febbraio di ogni anno il Consiglio Esecutivo redige
un rendiconto consuntivo ed una relazione sull’attività svolta che
sottopone successivamente al Direttivo dell’A.C.S.: detti dati
confluiscono nel bilancio generale in qualità di allegato.16

Art.26
(A.S.S.-Accordi)
Per dare compimento ai propri scopi, l’A.S.S. ha la facoltà di
concludere accordi e aderire ad organismi internazionali previa
deliberazione da parte del Consiglio Direttivo dell’A.C.S..

Art.27
(Norma finale)
Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento
alle norme di legge ed in mancanza alle consuetudini vigenti in
questa Repubblica